Mercato

Cinque su dieci “molto consigliate” nel test sulle migliori gomme estive 2021 di Autozeitung

Dopo la vittoria nel test della rivista tedesca Gute Fahrt, il Goodyear Eagle F1 Asymmetric 5 conquista l’oro anche nel test di Autozeitung, che ha messo a confronto dieci pneumatici nella misura 225/40 R18 montati su una Seat Leon, per scoprire quali sono le migliori gomme estive del 2021.

Oltre al modello di Goodyear che ha vinto il test, altri quattro pneumatici hanno ricevuto la valutazione “molto consigliato”, mentre gli altri cinque concorrenti sono rimasi a mani vuote, perché la rivista tedesca non ha emesso alcun verdetto.

Le migliori gomme estive del 2021 sono dunque cinque per Autozeitung, ma ci sono anche delle menzioni speciali.

Falken Azenis FK510, che si piazza al quinto posto, viene raccomandato per il miglior rapporto qualità/prezzo del test. Il vincitore Goodyear Eagle F1 Asymmetric 5 riceve invece anche la menzione per miglior pneumatico per risparmio di carburante. “La gomma Goodyear padroneggia al meglio l’equilibrio tra aderenza su bagnato e resistenza al rotolamento” è la spiegazione di questa raccomandazione speciale.

L’Eagle F1 Asymmetric 5, che è stato il primo a tagliare il traguardo nel test, ha performato al meglio in tutte le discipline, posizionandosi al top delle prestazioni sia su asciutto che su bagnato.

Il secondo classificato, invece, il Continental PremiumContact 6, nonostante abbia stabilito il record sull’asciutto, non è riuscito a sorpassare il modello Goodyear a causa delle sue “lievi mancanze sul bagnato“.

Anche il Pilot Sport 4 di Michelin ha mostrato caratteristiche simili: forte sull’asciutto, lievi sbavature sul bagnato, ma ad un livello leggermente inferiore rispetto al PremiumContact 6.

Così il pneumatico del brand francese si piazza al quarto posto, perché al terzo si infila il Pirelli P Zero PZ4 con prestazioni equilibrate sia sull’asciutto che sul bagnato. 

Il quintetto di pneumatici con valutazione “molto consigliato” si completa con il Falken Azenis FK510, che va benissimo sul bagnato e cede invece un po’ sull’asciutto, dove, insieme al Dunlop Sport Maxx RT2 ottiene il peggior risultato tra i cinque, che si sono comunque tutti classificati come “molto buoni“.

Le prestazioni su asciutto sono comunque “problematiche” anche per i modelli che hanno occupato le posizioni da 6 a 10, anche se il fattore decisivo, che ha determinato o meno la raccomandazione di Autozeitung è stato il comportamento su bagnato.

“A causa delle lunghe distanze di frenata sul bagnato”, il Nokian Powerproof, che comunque dimostra di avere un buon grip in altre situazioni, manca di poco la raccomandazione della rivista.

Così anche il profilo UHP Victra Sport 5 di Maxxis, che è “in prima linea sull’asciutto, ma non conferma la buona impressione sulla strada bagnata e in particolare nella frenata”.

Questi commenti non si applicano solo a questi due modelli, ma anche a tutti gli altri della metà inferiore della classifica.

A nulla è valso, infatti, per il Dunlop Sport Maxx RT2 riuscire a ottenere il miglior punteggio nell’aquaplaning longitudinale e trasversale. 

Così come non è stato sufficiente per il Dunlop Sport Maxx RT2 e l’Hankook Ventus S1 Evo³ dimostrare un’efficiente rolling resistance per compensare le mancanze di aderenza nella frenata su bagnato. Idem per i pneumatici Nexen N’Fera Sport che complessivamente hanno dimostrato decisamente più punti di debolezza sul bagna che sull’asciutto.

© riproduzione riservata
made by nodopiano