Mercato

Continental presenta all’IAA una piattaforma integrata per la mobilità del futuro

Presso la fiera IAA 2019 di Francoforte (12 – 22 settembre), Continental presenta l’ultima versione della sua piattaforma interna integrata (IIP). In quanto computer ad alte prestazioni, questa soluzione completa per software e hardware fornisce le basi per l’interazione tra uomo e veicoli nella cabina di guida connessa di domani, garantendo il massimo livello di qualità. Nel simulatore presente presso lo stand viene mostrato come l’IIP combina vari display (come il quadro strumenti e il display della console centrale) con servizi connessi, per formare una soluzione completa. L’IIP è una pietra miliare nella rivoluzione dell’architettura E / E, che vede l’elettronica di bordo delle auto spostarsi da molte unità di controllo individuali a pochi computer ad alte prestazioni.

Continental utilizza soluzioni per l’architettura IIP che consentono di gestire contemporaneamente diversi sistemi operativi con requisiti differenti di sicurezza su un singolo computer. I sistemi operativi, come QNX, Integrity, Linux e Android Automotive, possono provenire da provider open source e di terze parti. Il software richiesto è integrato e testato nella Continental Software Factory altamente automatizzata. Dal suo Campus Agile presso la sede di Wetzlar, Continental ha anche abbreviato i cicli di sviluppo cambiando radicalmente i processi e garantendo una collaborazione efficace.

“La cabina di guida di domani pone due grandi sfide per il nostro sviluppo. In primo luogo, una crescente separazione tra software e hardware, insieme alle numerose possibilità per vari software open source e quindi anche per nuovi modelli di business. In secondo luogo, implementare processi che ci consentano di soddisfare questi nuovi requisiti in modo rapido, efficiente e con un elevato livello di sicurezza operativa si rivela altrettanto impegnativo”, afferma Karsten Michels, head of Systems & Technology in Continental’s Interior division.

IIP supporta una vasta gamma di prodotti ed è scalabile utilizzando vari concetti hardware. “Per affrontare le sfide dell’integrazione dei sistemi, stiamo cambiando la cultura di Continental per concentrarci sul lavoro agile. Abbiamo accelerato questo cambiamento con il nostro Campus Agile nella sede di Wetzlar. Ciò include un elevato livello di automazione delle routine di test continui e una combinazione di rigidi parametri di misurazione della trasparenza e del gate. Il focus del nostro sviluppo è sulla qualità”, afferma Michels.

Piattaforma interna integrata: tecnologia per l’abitacolo di domani

L’esposizione dell’IIP all’IAA prevede display collegati su tutta la larghezza della cabina di guida, sotto una superficie di vetro, evidenziando il numero di funzioni che i veicoli completamente connessi devono essere in grado di padroneggiare allo stesso tempo. Il display del driver digitale, per esempio, mostrerà la vista dello specchietto retrovisore digitale, oltre alle letture tradizionali. Inoltre, l’automobilista può utilizzare i gesti per recuperare contenuti come mappe di navigazione ad alta risoluzione dal display del passeggero. Se il conducente passa quindi alla modalità di guida automatizzata, viene visualizzato il display completo, con tutti i servizi e le app basati su Internet che altrimenti sarebbero disponibili solo sul lato passeggero. L’IIP è in grado di controllare più display nella cabina di pilotaggio. Per fare ciò, la piattaforma deve essere in grado di eseguire entrambe le app con un elevato livello di integrità della sicurezza automobilistica e quelle che sono il più aperte possibile (ad esempio basate su Android) da un’ampia varietà di fonti. L’incapsulamento sicuro di vari sistemi operativi tramite tecnologia hypervisor o container è quindi parte integrante dell’IIP. Durante la guida manuale, il passeggero ha a disposizione l’intero spettro di servizi digitali familiari, comprese le applicazioni per ufficio come Outlook e Skype.

Lavoro agile nella Software Factory

Circa 20 dipendenti Continental, suddivisi in quattro sedi in Europa e Asia, stanno partecipando allo sviluppo agile del software IIP, con 70.000 test automatizzati condotti e 250 linee di base software create e documentate automaticamente, ogni settimana. Ogni modifica al codice sorgente viene immediatamente “costruita” e la revisione delle condizioni di rilascio soddisfatte (“gating”) è rigorosamente automatizzata. “Abbiamo eliminato tutti i rapporti manuali, perché in questa gamma funzionale supereremmo le nostre capacità” dichiara Jens Walther di Continental.

Oltre a “incorruttibile gating”, metriche trasparenti assicurano che la qualità del software possa essere misurata in tempo reale fino al livello del codice sorgente stesso. “Tutte le informazioni rilevanti per la qualità sono disponibili in diretta al fine di avviare soluzioni ai problemi”, aggiunge Walther. “Con questo approccio agile e automatizzato, il software raggiunge presto un elevato livello di maturità, consentendoci di accelerare lo sviluppo e il lancio sul mercato.”

Come parte attiva di questo cambiamento culturale, esiste una profonda comprensione del lavoro agile, in particolare presso il Campus Agetz di Wetzlar di Continental. L’uso di metodi e strumenti agili nel campus non è limitato allo sviluppo del software, come di solito accade. Invece, altre aree dell’azienda vengono gradualmente convertite in principi agili come parte di un rinnovamento culturale totale. “L’approccio agile sta guadagnando la sua reputazione”, afferma Walther. “Oggi siamo già in grado di soddisfare le esigenze dei produttori automobilistici di tutto il mondo, che ci stanno avvicinando specificamente per lavorare insieme sulla base di metodi agili”.

Continental presenta la sua visione per la mobilità del futuro all’IAA di Francoforte dal 12 al 22 settembre 2019, nel padiglione 8 / stand A39.

made by nodopiano