Motorsport

Il team Musashi e Bridgestone sbancano la 8 ore di Suzuka

Il team Musashi RT Harc Pro Honda, formato da Takumi Takahashi, Leon Haslam, Michael Van der Mark, ha vinto la prestigiosa 8 ore di Suzuka, regalando a Bridgestone l’ottavo successo di fila nella storica gara di durata. Il successo continua la striscia record della casa giapponese, record impreziosito anche da secondo posto di Yoshimura Suzuki Racing team, che ha così regalato a Bridgestone una doppietta ancor più prestigiosa.

Dopo l’avvio nel tradizionale stile “Le Mans”, il pilota di Yoshimura Racing Takuya Tsuda ha provato da subito a forzare il ritmo, senza però riuscire ad andare in fuga e permettendo così a Takuma Takahashi di prendere il comando con un ritmo costante. Bel recupero dalla quarta piazza iniziale di Ryuichi Kiyonari, che è riuscito a isarsi fino in seconda posizione, prima che un incidente alla curva Degner durante il terzo stint mettesse fuorigioco la moto del team Fcc Hond Tsr. Due inconvenienti hanno colpito anche il team Yoshimura, che prima ha subìto una penalità per eccesso di velocità in corsia box, e poi ha dovuto fare i conti con l’incidente occorso a Brookes, che è riuscito comunque a tenere la moto accesa e vive le speranze del suo team per il podio.

La leggera pioggia che ha cominciato a bagnare il circuito a mezz’ora dalla fine ha aggiunto pathos, con i piloti che dovevano decidere in fretta se cambiare gomme o arrischiarsi a continuare con le slick. Alcuni top rider hanno scelto la prima opzione, ma alla fine la scelta più pagante è stata quella del team Musashi che ha deciso di continuare con le gomme Bridgestone da asciutto, aggiudicandosi così la gara. Yoshimura Racing team ha superato i problemi chiudendo al secondo posto, davanti ai compagni di Suzuki del team Kagayama.

“Vorrei congratularmi con il team Musashi RT – Harc Pro per la loro vittoria – ha commentato Shinji Aoki, responsabile dello sviluppo pneumatici per Bridgestone motorsport – in condizioni così difficili, e complimenti anche al team Yoshimura Suzuki per il brillante secondo posto nonostante una corsa ricca di problemi. La gara di oggi è stata molto dura per noi a causa delle condizioni della pista molto variabili, con temperature molto alte della pista e la pioggia finale. Nonostante un quadro così mutevole, il team Musashi è riuscito a vincere, dimostrando che le gomme Bridgestone sono in grado di operare in un ampio intervallo di condizioni. Sono altresì orgoglioso che Bridgestone abbia supportato la squadra vincitrice della 8 ore di Suzuka nelle ultime otto edizioni”.

“Siamo ovviamente contenti di avere vinto questa gara per la seconda volta – ha commentato a caldo Shigeki Honda, rappresentante del team Musashi – dopo la vittoria del 2010. A nome di tutto il nostro personale vorrei ringraziare Bridgestone per il loro costante supporto. Abbiamo creduto nelle performance di questi pneumatici e li abbiamo utilizzati per la loro capacità di contribuire alla vittoria”.

Una bella immagine di Takuya Tsuda in azione. Il pilota giapponese ha contribuito alla seconda vittoria del team Musashi alla 8 ore di Suzuka

Comments

comments

made by nodopiano