Impennata nel periodo di Pasqua per i produttori di pneumatici indiani

24 aprile 2014 | 0 Commenti
 
Impennata nel periodo di Pasqua per i produttori di pneumatici indiani
Impennata nel periodo di Pasqua per i produttori di pneumatici indiani

I prezzi delle azioni delle principali società di pneumatici indiane sono saliti durante il Venerdì Santo, prima del fine settimana di Pasqua. Le quote complessive delle società di pneumatici indiane sono salite anche del 17%, accompagnate da alti volumi dovuti a “una crescita delle aspettative del fatturato durante il corrente periodo fiscale” secondo fonti giornalistiche locali. Apollo Tyres, Ceat, Goodyear India, JK Tyre Industries, Balkrishna Industries e TVS Srichakra sono tutte aumentate tra il 4 e il 17% ciascuna, presso la Bombay Stock Exchange (BSE) nel corso delle negoziazioni di venerdi.

Questa bolla dei prezzi ha visto Apollo Tyres stabilire un nuovo record, chiudendo a 178,90 rupie per azione. Inizialmente Apollo Tyres era salita dell’8% dal prezzo di apertura, raggiungendo 175 rupie, che era già il nuovo massimo sulla BSE. A quel punto, si parla di vendite e acquisti per 10 milioni di azioni, che hanno ulteriormente alzato il prezzo. Dopo il week-end il prezzo è calato a circa 167 rupie, valore comunque più che raddoppiate.

Secondo osservatori di mercato, Apollo Tyres sta beneficiando dei bassi prezzi degli input che stanno guidando la redditività nelle sue operazioni indiane. Nel frattempo, la filiale europea della società si aspetta di beneficiare della “macro – ripresa nel continente”, secondo il Business Standard. Ciò è esemplificato dalla crescita a due cifre dei volumi di Vredestein, guidata dai guadagni del comparto pneumatici estivi, secondo analisti JP Morgan.

JK Tyre è salita del 17% a 211 rupie il 17 aprile, mentre Ceat è aumentata del 10% a 402 rupie.

Tag: , , , , ,

Categoria: Mercato, Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserire il numero mancante: *