Mercato

Goodyear completa l’acquisizione di Cooper

Goodyear Tire & Rubber Company ha annunciato ieri 7 giugno 2021 di aver completato l’acquisizione di Cooper Tire & Rubber Company, perfezionando l’accordo di fusione reso pubblico lo scorso 22 febbraio. L’acquisizione unisce due importanti aziende di pneumatici con portafogli di prodotti complementari, servizi e capacità che creano un leader più forte con sede negli Stati Uniti. La nuova società offrirà più opzioni in tutto lo spettro del valore, rendendo più facile per i clienti e per i consumatori la scelta dei pneumatici a marchio Goodyear e Cooper.

“Siamo entusiasti di riunire ufficialmente Goodyear e Cooper, combinando la nostra attenzione condivisa su clienti, innovazione, prodotti e soluzioni di alta qualità. Questa unione rafforza la capacità di Goodyear di servire più consumatori a livello globale e fornisce una maggiore scala per supportare investimenti in nuove soluzioni di mobilità e nelle flotte”, ha affermato Richard J. Kramer, presidente e amministratore delegato di Goodyear.

L’unione di Goodyear e Cooper dovrebbe:

  • Rafforzare la posizione di leader di Goodyear nel settore globale dei pneumatici. L’acquisizione rafforza ulteriormente la posizione di leader di Goodyear negli Stati Uniti, migliorando significativamente la sua posizione in altri mercati nordamericani. In Cina, l’unione quasi raddoppia la presenza di Goodyear e accresce le relazioni con le case automobilistiche locali, creando al contempo una distribuzione più ampia per i pneumatici Cooper nel segmento del ricambio, grazie alla rete di 2.500 negozi al dettaglio a marchio Goodyear.
  • Combina due portafogli di marchi complementari con un’offerta completa in tutto lo spettro del valore. La nuova società avrà l’opportunità di sfruttare la forza del primo equipaggiamento Goodyear e dei pneumatici sostitutivi premium, insieme alla potenza del marchio Cooper nella fascia media, in particolare nei segmenti degli autocarri leggeri e dei SUV.
  • Fornire vantaggi finanziari significativi, immediati e a lungo termine:
    • Sinergie e benefici fiscali. Goodyear prevede di ottenere circa 165 milioni di dollari in sinergie sui costi di esercizio entro due anni. La maggior parte delle sinergie di costo sarà legata alla sovrapposizione delle funzioni aziendali e alla realizzazione di efficienze operative. Inoltre, si prevede che l’unione genererà un valore attuale netto di 450 milioni di dollari o più, utilizzando gli attributi fiscali statunitensi disponibili di Goodyear. Si prevede che questi attributi fiscali riducano i pagamenti delle imposte in contanti della società, generando ulteriore flusso di cassa libero. Le sinergie di costo previste non includono i risparmi relativi alla produzione.
    • Utile e Stato Patrimoniale. Si prevede che l’acquisizione aumenterà l’utile per azione entro il primo anno intero successivo alla chiusura, migliorerà leggermente la posizione di bilancio di Goodyear e aumenterà la capacità della società di ridurre la leva finanziaria.
  • Crea valore aggiuntivo dalla produzione e dalla distribuzione. Si prevede che le opportunità di espansione di strutture selezionate di Cooper aumenteranno l’efficienza del capitale e la flessibilità. Ulteriori opportunità di crescita dei ricavi dovrebbero derivare dall’aggiunta del marchio Cooper alla rete di distribuzione globale di Goodyear.
  • Aumentare la scala per supportare gli investimenti in nuove soluzioni di mobilità e flotte. In qualità di leader del settore negli Stati Uniti, la società combinata offrirà pneumatici e un’ampia selezione di servizi attraverso le relazioni di Goodyear con i produttori OEM tradizionali ed emergenti; sviluppatori di sistemi di guida autonoma; operatori di flotte nuovi e consolidati; e altre piattaforme di mobilità.

Con modelli di business, strutture organizzative e canali di distribuzione complementari, Goodyear integrerà il meglio di Goodyear e Cooper a beneficio dei suoi azionisti, clienti, consumatori e dipendenti.

A seguito della chiusura, le azioni ordinarie di Cooper cesseranno di essere negoziate alla Borsa di New York.

© riproduzione riservata
made by nodopiano