Mercato

Michelin: l’idrogeno giocherà un ruolo chiave sulla mobilità del futuro

A inizio mese, è stata inaugurata in Francia la gigafactory SymphonHy, il più grande sito di produzione integrata di celle a combustibile in Europa, che appartiene a Symbio, una joint venture paritaria tra Michelin, Forvia e Stellantis.

Florent Menegaux, presidente del Gruppo Michelin, ha così commentato l’evento: “Noi di Michelin pensiamo al futuro della mobilità dal 1889. Siamo stati convinti che questo futuro sarebbe stato elettrico e che l’idrogeno avrebbe giocato un ruolo chiave in esso per 50 anni, dalla prima crisi petrolifera”.

“Lo spirito pionieristico dei nostri predecessori ci ha messo in moto. Abbiamo creato la nostra cella a combustibile a idrogeno grazie alla profonda conoscenza dei compositi flessibili e abbiamo continuato a crederci quando non c’era nulla da dimostrare”.

Lungo il percorso, Michelin ha sviluppato questa tecnologia in Symbio, unendo le forze con FORVIA e Stellantis per portare questa visione sulle strade di tutto il mondo. Con l’inaugurazione della gigafactory di Symbio a Saint-Fons in Francia si apre un nuovo capitolo per il presidente di Michelin. “è un passo significativo nella nostra missione di costruire la mobilità a idrogeno su larga scala e fornire il complemento necessario ai veicoli elettrici a batteria per raggiungere i nostri obiettivi collettivi di decarbonizzazione.”

SymphonHy è secondo Menegaux “un perfetto esempio di ciò che una fabbrica può e dovrebbe essere: stabilire i più alti standard umani, ambientali e tecnologici, pulsare con il suo ecosistema locale e offrire opportunità di innovazione e formazione all’avanguardia.”

Quando le aziende daranno il meglio di sé, – conclude il presidente di Michelin – quando il sostegno pubblico europeo e nazionale sarà forte e risoluto come nel progetto HyMotive, che creerà 1.000 posti di lavoro nel corso della sua vita e di cui SymphonHy fa parte, potremo guardare al futuro della mobilità con fiducia.

© riproduzione riservata
made by nodopiano