Mercato

Il grossista tedesco Best4Tires licenzia 30 dipendenti

Tempi duri per il settore pneumatici in Germania, dove i produttori non riescono a tenere aperte le fabbriche, ma anche i grossisti sentono la pressione dei costi e dell’inflazione. In questi giorni, infatti il distributore B2B di pneumatici e cerchi Best4Tires ha dichiarato che lascerà a casa 30 dipendenti, come reazione a una serie di cambiamenti svantaggiosi del mercato. Secondo il CEO Armin Hess, infatti, tutti stanno vendendo meno pneumatici, a causa della riluttanza dei consumatori finali a fare acquisii per l’inflazione, condizione che c’è da temere si protrarrà anche nel nuovo anno. La decisione era quindi “inevitabile“.

L’azienda, con sede centrale a Höhr-Grenzhausen, una cittadina un centinaio di chilometri a nord ovest rispetto a Francoforte, ha già ridotto i costi generali, ove possibile, senza compromettere la qualità del servizio al cliente e ha “corretto al ribasso gli obiettivi di crescita“. Ma i costi del personale devono ora essere affrontati “come il prossimo passo inevitabile“. Hess spiega che le decisioni sono state assunte “dopo un’attenta valutazione” e, in alcuni casi, dopo aver consultato preventivamente i dipendenti interessati.

L’amministratore delegato ci tiene comunque a sottolineare che i dipendenti che sono stati licenziati “alla fine non hanno fatto nulla di male, la causa è ‘solo’ che vendiamo meno pneumatici”.

Tutti i reparti, compresa la logistica e la produzione, sono interessati all’operazione, anche se l’attenzione è rivolta al “middle management nell’area amministrativa“. Tra coloro che stanno lasciando Best4Tires c’è Ulrike Wortmann, che è in carica come Chief Marketing Officer dalla fine del 2020.

© riproduzione riservata
made by nodopiano