Mercato

Pirelli Cinturato nella Collezione per le auto d’epoca

Aspetto classico e tecnologia moderna. Questi due semplici concetti definiscono perfettamente la gamma dei pneumatici Pirelli Collezione destinati alle auto d’epoca, di cui fanno parte numerose varianti della famiglia Cinturato.

Realizzati con i materiali più avanzati e le procedure di progettazione e produzione più avanzate, i ‘moderni’ Cinturato del passato sono stati ridisegnati grazie alle immagini messe a disposizione degli ingegneri dalla Fondazione Pirelli e dai progetti cartacei dell’epoca e sono sviluppati e fabbricati, facendo ricorso – nello nello stabilimento turco di Izmit – a tecniche simili a quelle specifiche per le gomme da motorsport.

Cinturato CN 367, ma anche CF67/CA67 – e più tardi CN72e CN73 – mantengono così immutato il fascino vintage delle gomme d’epoca e permettono restauri perfetti anche per livelli da ‘concorso’. Lo fanno nascondendo una tecnologia moderna, come nel caso delle mescole più aggiornate e avanzate che garantiscono ai Cinturato di Pirelli Collezione un maggiore grip e una migliorata capacità di espulsione dell’acqua.

Le auto così equipaggiate offrono anche nelle condizioni di guida più impegnative la massima affidabilità e alti livelli di sicurezza senza fa perdere lo ‘stile’ originale alle vetture d’epoca. Cinturato Pirelli – va ricordato – è stato brevettato nel 1951 e lanciato nel mercato a meta’ degli Anni ’50.

Il moderno erede del primo Cinturato Pirelli ha mantenuto il classico disegno 367 che lo ha reso famoso in tutto il mondo per oltre un decennio. Nel 1966 questo disegno del battistrada è stato codificato con l’acronimo CF67/CA67 per ricordare le 67 licenze di lavorazione rilasciate da Pirelli ai più importanti produttori di pneumatici in 25 Paesi.

CA67 è stato il primo pneumatico radiale tessile il cui codice di velocità era SR, fino a 180 kmh. Il suo battistrada era costruito con elementi scanalati separati da quattro incavi longitudinali grecati, con taglio netto e ampia scanalatura. La mescola del battistrada era molto resistente alle alte temperature e agli strappi. La crescente segmentazione del mercato del settore automobilistico nella metà degli Anni ’60 condusse all’introduzione dei pneumatici con codice velocità HR (fino a 210 km/h) e quindi alla creazione delle nuove versioni del Cinturato H e HS (High Speed) con disegno del battistrada CN72.

Oggi, come ieri, Cinturato CN72 si trova come gommatura dell’intera gamma Ferrari della seconda metà degli Anni ’60 (250 GT, 400 Superamerica, 275 GTB) tanto quanto la Maserati 4000 e 5000. E’ stato adottato anche da Lamborghini per i modelli 350 GT, 400 GT, Miura. Nel 1969 è stata realizzata la prima misura a basso profilo GR70 VR 15 (225/70 VR 15), scelta da Ferrari per 365 GT e GTB, da Lamborghini per Miura e Jarama oltre che da Maserati per Ghibli, Quattroporte, Mistral e Mexico.

Attualmente, la Collezione di Pirelli permette di equipaggiare una completa gamma di modelli da collezione, dalle vetture Anni ’30 fino alle youngtimer degli Anni Duemila.

© riproduzione riservata
made by nodopiano