OZ a Ginevra con Italdesign, Sbarro e IED (Istituto Europeo di Design)

20 marzo 2017 | 0 Commenti
 
OZ a Ginevra con Italdesign, Sbarro e IED (Istituto Europeo di Design)
OZ a Ginevra con Italdesign, Sbarro e IED (Istituto Europeo di Design)

OZ, il brand di ruote più titolato al mondo nel motorsport, era presente all’87° Salone dell’automobile di Ginevra, terminato domenica 19 marzo, con collaborazioni di grande rilievo e prestigio. Ancora una volta Ginevra ha visto le ruote OZ associate ad alcuni tra i più interessanti e avveniristici progetti presentati al salone da importanti designer e atelier come Italdesign, Sbarro e IED (Istituto Europeo di Design).

OZ e Italdesign: quando le top performance si incontrano

Italdesign ha presentato a Ginevra Zerouno, non una concept car ma un’auto unica ed sorprendente, prodotta in soli cinque esemplari entro la fine del 2017.

Questo progetto è frutto dell’esclusivo simoultaneous engineering, metodo di lavoro sviluppato da Italdesign in oltre 49 anni di storia, che permette di ottenere un design funzionale in grado di soddisfare contestualmente richieste estetiche e prestazionali.

I cerchi sono un lavoro di co-progettazione con OZ e rappresentano il connubio perfetto tra stile ed alta ingegneria.

Il know-how di OZ, frutto della lunga esperienza nelle competizioni così come nell’aftermarket, ha permesso di ottenere una ruota dalle grandi prestazioni in grado di estrarre l’aria calda generata dal potete impianto frenante. Alla struttura è applicata una turbina perimetrale in carbonio che massimizza l’effetto aerodinamico e il raffreddamento dell’impianto frenante stesso.

OZ e IED: una concept car tutta Made in Italy

Scilla, la nuova concept car presentata a Ginevra da IED e dal Master in Trasportation Design, interpreta il patrimonio di alcuni tra i principali simboli del Made in Italy nell’ambito dell’automotive: IED, Istituto Europeo del Design, Pininfarina, Quattroruote e OZ.

Il brief di partenza era focalizzato sul tema della leggerezza, intesa come eliminazione del superfluo, ritorno alla purezza e libertà da pesanti linguaggi di stile ereditati. In questo quadro non poteva che essere OZ il partner scelto per la realizzazione delle ruote di questo innovativo veicolo. L’azienda di Padova è particolarmente nota infatti per la leggerezza dei propri prodotti che garantiscono performance al top e sicurezza totale grazie al superamento dei test più severi.

Questo slideshow richiede JavaScript.


OZ e Sbarro: quando l’innovazione è un carattere comune

Il designer italo-svizzero, ha presentato anche quest’anno un progetto avveniristico e dal forte carattere innovativo: Tracto Sphere, un veicolo con telaio sferico come suggerisce il nome stesso per una nuova maneggevolezza in città e non solo.

A conferma della partnership ormai stabile, le ruote non potevano che essere OZ. Come sempre nelle ultime edizioni, questa unione trova spazio anche quest’anno nello stand Sbarro dove OZ era presente con una delle principali novità dell’anno, la nuova Rally Racing. L’icona anni ’90, nota per aver equipaggiato moltissimi team in particolare nel WRC,viene oggi reinventata seguendo le tendenze del momento, per un look ancora più attuale e aggressivo.

Anche quest’anno, il Salone di Ginevra è stato ricco di collaborazioni per OZ, che non fanno altro che confermare come la prestigiosa azienda sia il partner ideale in grado di rispondere ai designer più esigenti, grazie ad un perfetto mix di tecnologia e stile e al know how acquisto in oltre 45 anni di vita e di grandi successi raggiunti in pista come in strada.

 

Commenti

commenti

Tag: , , , , , , , , ,

Categoria: Mercato, Notizie, Notizie prodotti, Ruote