Pirelli: anteprima GP della Malesia

30 settembre 2016 | 0 Commenti
 
Pirelli: anteprima GP della Malesia
Pirelli: anteprima GP della Malesia

Il Gran Premio della Malesia ha in comune con il vicino Gran Premio di Singapore, che l’ha preceduto, una sola cosa: l’umidità. Il tasso si aggira intorno all’80%, conseguenza di piogge torrenziali tropicali quasi quotidiane. Le curve veloci e lunghe e le temperature elevate che caratterizzano Sepang sono uno dei motivi per cui per la prima volta da Silverstone Pirelli ha scelto di portare le tre mescole più dure nella gamma: P Zero Orange hard, P Zero White medium e P Zero Yellow soft. E, per la prima volta dal Canada, la mescola più dura dovrà essere usata in gara (con due set di hard obbligatori). La pista è stata completamente riasfaltata, dopo una chiusura di tre mesi a inizio anno, per cui sarà meno abrasiva di prima.

Il circuito dal punto di vista dei pneumatici:

  • Le temperature della pista sono quasi sempre altissime.
  • In passato, consumo e degrado sono stati elevati, probabile quindi una gara su più soste.
  • Le piogge intense sono sempre state una delle caratteristiche del Gran Premio della Malesia, causa spesso di bandiere rosse. La gomma depositata viene lavata via, influenzando l’evoluzione della pista nel corso del weekend.
  • Il degrado termico è un fattore importante, sempre dovuto alle elevate temperature ambientali e della pista.
  • Sepang è un circuito vario, dove non mancano curvoni veloci con alti carichi di energia laterale.
  • La nuova superficie dovrebbe far sì che la pista sia molto meno irregolare.
  • Il pneumatico anteriore sinistro è il più sollecitato, e tende a essere il fattore limitante nella lunghezza degli stint.

Le tre mescole nominate:

  • Orange hard: deve essere utilizzata in gara, dato che due set sono obbligatori.
  • White medium: cruciale per una strategia flessibile, che spesso paga a Sepang.
  • Yellow soft: mescola high working range, molto utile in Malesia.

Così un anno fa:

  • Il pilota della Ferrari Sebastian Vettel vinse con una strategia a due soste: partito con le medie, passò di nuovo alle medie nel giro 17, poi alle hard nel giro 37. Si registrarono temperature di 56°C.
  • Miglior strategia alternativa: partito dalla pole, il pilota della Mercedes Lewis Hamilton arrivò secondo con una strategia di tre soste. Le stesse del suo compagno di squadra, che si classificò terzo.

Paul Hembery, direttore motorsport Pirelli: “La Malesia è una gara davvero estrema e rappresenta un vero test per i pneumatici, con temperature elevate e alti carichi nei curvoni veloci. Il meteo inoltre può cambiare di colpo, trasformando la pista in un lago. Questo rende il weekend di Sepang molto vario, ed è difficile seguire l’evoluzione della pista. Quest’anno, poi, c’è la grande incognita della superficie della pista, che è completamente nuova.

In passato abbiamo visto un gran numero di pit stop ed è probabile che anche questo weekend assisteremo a più soste per la maggior parte dei piloti: ovviamente, adesso che i team hanno tre mescole tra cui scegliere, questo apre a un ampio ventaglio di variabili in termini di potenziali strategie di gara”.

Orari Formula 1 GP Malesia:

Sky Sport

Venerdì 30 settembre

Ore 4:00 – 5:30 Prove Libere 1

Ore 8:00 – 9:30 Prove Libere 2

 

Sabato 1 ottobre

Ore 8:00 – 9:00 Prove Libere 3

Ore 11:00 – 12:00 Qualifiche

 

Domenica 2 ottobre

Ore 9:00 partenza Gara

 

Rai

Venerdì 30 settembre

Ore 8:30 Prove Libere 1 su Rai Sport1

Ore 11:30 Prove Libere 2 su Rai Sport1

 

Sabato 1 ottobre

Ore 11:30 Prove Libere 3 su Rai Sport1

Ore 13:45 Qualifiche su Rai2

 

Domenica 2 ottobre

Ore 14:00 Gara su Rai1

Tag: , , , , , ,

Categoria: Motorsport, Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserire il numero mancante: *