In crescita da 31 mesi, l’Europa dell’auto va

19 aprile 2016 | 0 Commenti
 

Spinta dai 5 Major Market (Italia +20,8%, Francia +8,2%, Spagna +6,9%, Gran Bretagna +5,1%, Germania +4,5%), l’Europa dell’auto chiude un buon 1° trimestre a +8,1%, con 3.931.903 immatricolazioni rispetto alle 3.638.574 del gennaio-marzo dello scorso anno. Il mese di marzo ha contribuito per il 44% alle vendite del trimestre, infatti le auto immatricolate sono state 1.744.986, in crescita del 5,7% verso le 1.651.528 del marzo 2015, segnando la 31^ crescita consecutiva.
Tuttavia, alcuni segnali raccomandano ancora cautela nelle previsioni: se da un lato l’Italia ha beneficiato di poderose azioni commerciali e la Gran Bretagna ha fatto il miglior marzo di sempre, grazie al cambio targa, Spagna e Germania sembrano aver esaurito la propria spinta.
“L’Europa cresce – ha detto Romano Valente, Direttore Generale dell’UNRAE, l’Associazione delle Case automobilistiche estere – ma è ancora lontana dal proiettare i 16 milioni di vetture nuove che si videro nel 2007”. “Il parco circolante europeo vale 250 milioni di vetture, quello italiano è secondo per dimensione dietro a Germania, davanti a Francia, UK e Spagna. In termini di età, l’Italia – tra i 5 Major Market – è seconda dietro la Spagna e 13^ tra i 28 Paesi dell’Unione. Segno che in molti Paesi esiste ed è sentita l’esigenza di interventi strutturali per il rinnovamento del parco”, ha concluso Valente.

Germania – Stagnano le vendite di marzo (0,0%), ma I trimestre in aumento (+4,5%)
Dopo quasi un anno di risultati positivi, con l’ottimo inizio del 2016 (e, in particolare, il mese di febbraio in crescita a doppia cifra), il mercato dell’auto nel Paese europeo di maggior volume in marzo, tradizionalmente il mese più ricco, frena e chiude sui livelli dello scorso anno (322.913 unità nel 2016 contro le 323.039 del 2015) a 0,0%. Seppur penalizzato dalle festività pasquali, che lo scorso anno furono in aprile, e da un giorno lavorativo in meno, il 1° trimestre 2016 chiude con un aumento del 4,5% e registra 791.424 immatricolazioni di auto nuove, contro le 757.630 del gennaio-marzo 2015. Ottima perfomance per le vendite a privati che nel mese registrano un incremento del 3,3% rispetto allo scorso anno e una quota del 34,6%. Per l’anno in corso, la Global Insight prevede una crescita del 2,5% per il mercato tedesco delle autovetture a 3.290.000 unità.

Regno Unito – Marzo segna il più alto volume di vendite dal 1999
Cresce del 5,3% marzo, che si chiude con un volume di ben 518.707 (contro le 492.774 dello stesso mese dello scorso anno) e fa registrare il mese con il più alto numero di vendite dal 1999, anno in cui è stato introdotto il cambio targa. E’ la terza volta che in un solo mese vengano immatricolate oltre 500.000 vetture. Il 1° trimestre, invece, archivia 771.780 immatricolazioni di auto nuove, in crescita del 5,1% rispetto alle 734.588 dell’anno 2015.
Crescite per tutti i canali di vendita: i privati, con 372.939 immatricolazioni, aumentano del 6,3% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, le flotte, con 366.887 vendite crescono del 3,2%, mentre le società, grazie alle 31.954 immatricolazioni, archiviano un +12,7% rispetto al 1° trimestre del 2015. Perfomance positiva anche per tutte le alimentazioni: in particolare, le alimentazioni a basso impatto ambientale chiudono il trimestre con un +23,7%, il diesel registra 363.478 immatricolazioni (+3,9%), la benzina 382.588 (+5,1%). Per il 2016 si prevede una crescita del 2% a 2.690.000 unità.

Francia – 1° trimestre positivo: vendite auto +8,2%
Il mercato dell’auto francese, nel marzo 2016, cresce del 7,5% rispetto al 2015, quando furono immatricolate 196.565 autovetture nuove. Nel 2016, invece, le vendite sono state 211.254 e hanno consentito al 1° trimestre di chiudere a +8,2% con 516.382 unità, contro le 477.319 dello scorso anno. In crescita, sia nel mese (+2,3%) che nel trimestre (+3,3%), anche il mercato dell’usato, che fa registrare 506.175 passaggi di proprietà a marzo e 1.404.391 nel periodo gennaio-marzo. I canali di vendita, tutti in crescita rispetto ai volumi registrati nel 2015, per il mese di marzo fanno registrare una stabilità di quota di mercato per i privati, una leggera crescita per le società (+2 punti percentuali) e un calo per i noleggi (-2 p.p.). Le stime della Global Insight prevedono una crescita economica della Francia di oltre l’1,3% nel 2016 e dell’1,4% nel 2017, per questo per il mercato dell’auto è previsto nel 2016 un aumento dei volumi pari al 3,0% circa a 1.975.000
autovetture immatricolate.

Spagna – Dopo 30 mesi di crescita, marzo chiude a -0,7%. 1° trimestre in aumento: +6,9%
Era da settembre 2013 che nel mercato spagnolo non si registravano cali nelle vendite di auto. Il mese di marzo, infatti, condizionato dalla stagionalità della Settimana Santa, si è chiuso con 111.512 immatricolazioni che significano lo 0,7% in meno rispetto alle 112.304 dello scorso anno, quando il mercato segnò un incremento del 40% sull’anno precedente, grazie alla crescita del 52% del noleggio. In aumento, tuttavia, le vendite di auto nel 1° trimestre del 2016, che archiviano un +6,9% e un volume pari a 285.495 vetture immatricolate, permettendo alla Spagna di registrare il miglior risultato per il trimestre dal 2010. Il mercato di questo 1° trimestre è stato caratterizzato dalla presenza di sforzi promozionali di Case e concessionari, dalla forte attività delle società di noleggio e del Plan Pive che ha sostenuto le vendite del canale dei privati. Tutti i canali hanno chiuso i primi tre mesi in crescita: in primis , le società sono aumentate del 18,8%
con un totale di 75.490 immatricolazioni, il noleggio del 5,8% con 70.564 vendite e i privati dell’1,9% con 139.441 veicoli. Secondo l’ANFAC e l’ANIACAM (Associazioni di categoria spagnole), le immatricolazioni dell’anno 2016 saranno 1.100.000 (+6,4%).

Tag: , ,

Categoria: Mercato, Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserire il numero mancante: *