Mick Schumacher al suo esordio nel campionato F4 a Misano conquista due vittorie

11 aprile 2016 | 0 Commenti
 
Mick Schumacher (Prema Power Team,Tatuus F.4 T014 Abarth #5)
Mick Schumacher (Prema Power Team,Tatuus F.4 T014 Abarth #5)

Dopo il secondo tempo assoluto nelle qualifiche, Mick Schumacher (Prema Power Team), figlio 17/enne di Michael, ha tagliato per primo il traguardo nella Gara A-B di Misano spinto dalla benzina Magigas Speed Csai. Scattato velocissimo dalla prima fila, ha subito provato l’attacco ai danni del poleman Marcos Siebert (Jenzer Motorsport), che però ha difeso la posizione molto bene. Il sorpasso decisivo per la vittoria, all’esterno, si è tenuto dunque al quarto giro. Da quel momento il tedesco ha tenuto la leadership fino alla fine.

GARA 2 (B-C)

Gara 2 è partita in regime di Safety Car a causa di un temporale iniziato poco prima del via. Numerosi i sorpassi e i colpi di scena, soprattutto fra la seconda e la decima posizione ma è stato ancora Mick Schumacher (Prema Power Team) a tagliare per primo il traguardo spinto ancora dalla benzina Speed Csai by Magigas. Partito davanti a tutti, il tedesco ha comandato la gara dall’inizio alla fine, gestendo il vantaggio che si è costruito nei primissimi giri. Mick è sembrato avere sempre la situazione sotto controllo nonostante le condizioni critiche di inizio gara.

Grande rimonta dell’olandese Job Van Uitert (Jenzer Motorsport), scivolato al 12° posto in regime di Safety Car a causa di un testacoda mentre scaldava le gomme. Un errore che però non lo ha privato della possibilità di strappare il secondo gradino del podio a tre giri dalla fine. Suo anche il giro più veloce in 1:51.005.

Sul terzo gradino del podio sale Diego Bertonelli (RB Racing) che non sbaglia nulla e arriva anche a occupare la seconda piazza. Quarto chiude il debuttante Juan Correa (Prema Power Team), dietro di lui troviamo il francese Hasse Clot (Kiteviola Motorsport). Sesto arriva in rimonta un velocissimo Baiz (Kfzteile24 Mücke Motorsport), che dopo essere partito decimo scivola fino alla 12^ posizione, ma risale.

GARA 3

Condizioni di pista asciutta per Gara 3 dell’Italian F.4 Championship powered by Abarth. Dopo un’interruzione a causa di un incidente pochi secondi dopo il via – senza conseguenze per i piloti – è stata data la ripartenza e tutto si è svolto regolarmente.

In pista, per Gara 3 dell’Italian F.4 Championship powered by Abarth, c’erano il Gruppo A contro il Gruppo C. Dopo un incidente che ha coinvolto diversi piloti in partenza, e la conseguente bandiera rossa, è stato dato nuovamente il via alle procedure di partenza. A causa dei danni riportati nell’incidente, non sono ripartiti Diego Bertonelli (RB Racing), Ye Yifei (Kfzteile24 Mücke Motorsport), Leonard Hogenboom (Cram Motorsport) e Aaron di Comberti (Bhaitech).

Alla luce verde, Marcos Siebert (Jenzer Motorsport) scatta benissimo e scava immediatamente un bel margine di vantaggio sugli avversari: 3 secondi in tre giri sul compagno di squadra Van Uitert.

Dalla settima posizione di partenza risale, con grande grinta, Raul Guzman (DR Formula), capace di portarsi in terza posizione già al terzo giro. Lo spettacolo più grande lo regala però Valentin Hasse Clot (Kiteviola Motorsport) in sesta posizione, che ha un ritmo più lento dei suoi avversari, ma difende la propria posizione con determinazione e aggressività, ma sempre con correttezza. Dal settimo giro in poi però Hasse Clot ha un calo evidente e chiude in 18^ posizione.

La battaglia si accende però per le posizioni di testa: Guzman scavalca in Van Uitert (alle prese con un’auto sovrasterzante) nel corso dell’ottavo giro e inizia ad avvicinarsi al leader Siebert. Al decimo giro i due sono attaccati e danno vita a una bella battaglia. Alla fine della dodicesima tornata Guzman passa al comando e non lo lascia più fino alla fine.

Juri Vips (Prema Power Team), quinto assoluto, è il primo del Trofeo Rookie, seguito da Giacomo Altoè (Bhaitech), settimo assoluto, e da Ian Rodriguez (DRZ Benelli), che ha chiuso ottavo. Si aggiudica il Woman Trophy Fabienne Wohlwende (Aragon Racing).

Nella Gara Finale si sono sfidati i primi trentasei piloti della classifica generale, calcolata sulla base dei punteggi ottenuti nelle tre gare precedenti. La lotta è stata molto accesa sia per le posizioni sia per quelle immediatamente successive e di metà gruppo. A spuntarla è stato Marcos Siebert (Jenzer Motorsport), che ha preso il comando della gara al giro 7 e lo ha conservato fino alla bandiera a scacchi. Dietro di lui il debuttante Juri Vips (Prema Power Team), che dopo il terzo posto assoluto di Gara 3 fa un altro passo avanti e si aggiudica ancora una volta il Rookie Trophy. Terzo Guzman (DR Racing): dopo aver comandato la gara per 6 giri ha rallentato il proprio ritmo e ha dovuto cedere due posizioni. Quarto (poi penalizzato e quindi retrocesso in 8^ posizione) ha chiuso Kush Maini (BVM Racing), autore di una grande rimonta dalla 14^ posizione di partenza. Prende il suo posto il poleman Mick Schumacher (Prema Power team), che ha avuto problemi nello scatto, si è ritrovato 17° per poi risalire fino alla quarta piazza. Suo anche il giro più veloce in 1:35.034.

Quinto è giunto Van Uitert (Jenzer Motorsport), sesto Vieira (Antonelli Motorsport), seguito da Hasse Clot (Kiteviola Motorsport), da Kush Maini (BVM Racing), da Iribarne (Torino Squadra Corse) e da De Francesco (Kfzteile24 Mücke Motorsport).

Peccato per il contatto tra Cunati (Vincenzo Sospiri Racing) e Correa (Prema Power Team): i due erano in lotta per il podio, ma si sono dovuti entrambi ritirare proprio in seguito all’incidente. Il Trofeo Rookie vede ancora primo Juri Vips, seguito da Maini e da Altoè (Bhaitech). Appuntamento all’8 maggio ad Adria, sull’Adria International Raceway, per il secondo appuntamento stagionale.

Commenti

commenti

Tag: , ,

Categoria: Motorsport, Notizie