Continental chiede un maggior controllo dell’Etichetta Europea dei pneumatici

27 novembre 2015 | 1 Commento
 
Continental chiede un maggior controllo dell’Etichetta Europea dei pneumatici
Continental chiede un maggior controllo dell’Etichetta Europea dei pneumatici

In riferimento a recenti avvenimenti, Continental chiede che vengano presi provvedimenti rispetto agli inadeguati controlli nel mercato europeo. Test tecnici condotti lo scorso inverno da ADAC, -Automobile Club Tedesco- e da Stiftung Warentest, osservatorio dei consumatori, hanno attestato la sistematica carenza di controlli circa il rispetto delle norme di legge da parte degli stati membri della Commissione Europea e dell’Unione Europea. In occasione dei test su pneumatici 165/70 R 14, per stabilire quello invernale con la migliore aderenza sul bagnato, il ContiWinterContact TS 850 ha fatto registrare spazi di frenata di 36.2 m ad una velocità di 80 km/h, avendo una classificazione C secondo i canoni dell’Etichetta Europea. Il peggiore del test è risultato un pneumatico di fabbricazione asiatica, che si è fermato in 49,6 metri pur avendo ricevuto ugualmente una classificazione C.

41“Questo caso emblematico di pneumatici che ricevono la stessa classificazione di aderenza sul bagnato pur presentando oltre 13 metri di differenza in frenata non è l’unico nel settore”, ha detto Christian Koetz, Direttore della divisione Passenger and Light Truck Replacement Tires EMEA di Continental e Presidente dell’European Tyre & Rubber Manufacturers Association ETRMA. “E’ giunto il momento che queste violazioni sistematiche vengano correttamente sanzionate, al fine di stabilire un deterrente. In caso contrario l’industria europea si troverebbe a subire un danno generato proprio dalla legislazione europea e ciò di per sé sarebbe un controsenso”.

Continental chiede con forza che, rispetto alla continua approvazione di nuove norme, la Commissione Europea e l’Unione Europea si impegnino a stabilire sistemi efficaci di sorveglianza del mercato. “C’è un numero crescente di normative in ogni area e in ogni singolo stato”, aggiunge Koetz. “Se le alle violazioni corrispondessero sanzioni severe e certe, le aziende produttrici sarebbero maggiormente propense ad operare nel rispetto delle regole”

Commenti

commenti

Tag: , ,

Categoria: Gommisti, Mercato, Notizie