Marco Arrigoni Neri è il nuovo Presidente di Assocatene

12 novembre 2015 | 0 Commenti
 
Marco Arrigoni Neri è il nuovo Presidente di Assocatene
Marco Arrigoni Neri è il nuovo Presidente di Assocatene

All’unanimità l’assemblea dei soci di Assocatene ha eletto il nuovo Presidente dell’associazione, Marco Arrigoni Neri, per il prossimo biennio.
Nasce a Lecco nel giugno del 1975. Nel 1994 entra a far parte della storica azienda di catene da neve KÖNIG, subito dopo gli studi di meccanica. Dopo i primi anni di esperienza passati nei reparti produttivi, si occupa di Ricerca e Sviluppo. Da oltre una decina di anni è tecnico di riferimento presso i tavoli di lavoro UNI e CEN per le normative riguardanti i dispositivi antisdrucciolevoli. Nella propria attività, Marco Arrigoni Neri, è riuscito a combinare know how e passioni personali: la passione per la montagna, dove ha vissuto per oltre 30 anni, per i rally e la guida su ghiaccio. Dalla nascita di Assocatene, ha seguito in prima persona il coordinamento tecnico dell’associazione.

“Ringrazio il Presidente Guidotti per l’attività svolta fino ad oggi in qualità di Presidente. Perché i produttori di catene da neve si sono uniti sotto la rappresentanza di Confindustria? Assocatene esiste sia per tutelare i produttori di catene da neve ma anche per informare correttamente i cittadini. Le catene, purchè omologate, sono lo strumento preferenziale per mettere in sicurezza il veicolo e le persone. L’ordinanza in vigore, dal 15 novembre al 15 aprile, non deve essere intesa come una tassa da pagare ma come una scelta consapevole. Molti media sintetizzano l’ordinanza in un’unica opzione ma, al contrario, si richiede al cittadino di decidere, in base alle condizioni climatiche della propria città, lo strumento che maggiormente risponde alle sue esigenze. Il rischio per gli utenti non è solo quello di subire sanzioni amministrative ma anche di trovarsi in situazioni di emergenza su neve e ghiaccio con dispositivi non adeguati”.

Tag: , , , , , , ,

Categoria: Mercato, Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserire il numero mancante: *