Bridgestone: debriefing Argentina MotoGP con Masao Azuma

24 aprile 2015 | 0 Commenti
 
Bridgestone: debriefing Argentina MotoGP con Masao Azuma
Bridgestone: debriefing Argentina MotoGP con Masao Azuma

Valentino Rossi ha vinto la sua seconda gara della stagione 2015 MotoGP con il trionfo del Gran Premio di Argentina, con il podio completato dalla Ducati di Andrea Dovizioso e dalla CWM LCR Honda di Cal Crutchlow.

L’intero weekend di gara è stato asciutto, ma il primo giorno è stato segnato da cattive condizioni della pista che hanno portato a bassa aderenza e ad un’usura dei pneumatici accelerata. Le condizioni sono migliorate ad ogni sessione e anche se le temperature della pista hanno raggiunto i 47° C durante le qualifiche del sabato, era più fresco per la gara con temperature della pista nella gamma dei trenta- quaranta gradi.

Domanda & Risposta con Masao Azuma – Chief Engineer, Bridgestone Motorsport Tyre Development Department

Il Gran Premio di Argentina è stato il debutto per la nuova mescola posteriore extra-dura di Bridgestone. Questa opzione si è comportata come previsto durante lo scorso fine settimana?

“La mescola posteriore extra-dura è stata sviluppata appositamente per contrastare le estreme richieste che il circuito Rio Hondo produce sui pneumatici posteriori e si è comportata molto bene. Ci sono due sfide su questo circuito: temperature estremamente elevate sulla spalla sinistra del pneumatico posteriore e alti tassi di usura sulla spalla destra. Con questo in mente, con i dati che abbiamo acquisito durante la gara dello scorso anno, abbiamo deciso di rielaborare la nostra allocazione di pneumatici posteriori per quest’anno – anche la media e la dura di quest’anno sono diverse dal 2014 – sviluppando una nuova posteriore extra-dura. Per quanto riguarda le prestazioni, Valentino Rossi ha mostrato il potenziale di questo pneumatico essendo in grado di girare ad un ritmo fortissimo per tutta la gara. La sua seconda parte di gara è stata particolarmente veloce, con il nuovo record sul giro stabilito al ventesimo giro e il nuovo record di durata di gara abbattuto di quattro secondi.”

Race-action-from-the-2015-Argentina-Grand-PrixDate le forti performance della extra-dura, questa era la migliore gomma da gara per la Factory Honda e Yamaha?

“Sulla base della nostra analisi durante il fine settimana di gara, la nostra raccomandazione era quella di utilizzare l’extra-dura per la gara, ma alla fine ogni pilota deve fare la sua decisione sulla base della strategia di gara e del setting della moto. Prendere una decisione sulla scelta delle gomme è stata difficile per alcuni piloti perché le condizioni per la gara erano più fresche del sabato, quando hanno fatto le simulazioni di gara. Il ritmo veloce e costante di Rossi su extra-dura è stato impressionante, ma anche Marquez ha guidato ad un ritmo molto forte e ha combattuto per la vittoria su mescola dura. Inoltre, Crutchlow è arrivato terzo, con il suo giro più veloce all’ultimo giro della gara, correndo su mescola dura, quindi è ovvio che questa opzione era buona. La gestione delle gomme in questa gara è stata la chiave, con entrambe le opzioni per le Honda e Yamaha in grado di far vincere la gara.”

Nelle Prove libere 1 venerdì mattina molti dei piloti hanno sperimentato il graining sul loro pneumatico posteriore. Può spiegare che cosa significa?

“Il graining è un particolare tipo di usura associato ad una superficie della pista che è davvero a bassa aderenza, ma è abrasiva. Essa provoca una eccessiva usura dei pneumatici e crea un aspetto ruvido del battistrada. Questo fenomeno si verifica spesso quando vi sono grandi quantità di polvere sul circuito che provoca un eccessivo slittamento del pneumatico posteriore. Ci aspettavamo graining durante la prima sessione e sapevamo che quando una maggior quantità di gomma sarebbe stata depositata sul tracciato, questo fenomeno sarebbe sparito. Nella seconda sessione di prove libere del venerdì pomeriggio il graining è stato notevolmente ridotto e sabato era scomparso, con le prestazioni dei pneumatici tornate alla normalità. Le condizioni della pista sporca che causano graining si verificano in circuiti che non sono utilizzati regolarmente e quindi non hanno una traiettoria pulita, con l’esempio più evidente, oltre al circuito di Rio Hondo, che è il Qatar Losail Circuit”

Tag: , , , , , ,

Categoria: Motorsport, Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserire il numero mancante: *