A Trento Ecopneus firma il protocollo per l’uso di gomma riciclata a km 0

15 ottobre 2013 | 0 Commenti
 
Il Consorzio dei Comuni Trentini ha firmato con Ecopneus un Protocollo d’Intesa che prevede l’uso della gomma da riciclo dei Pneumatici Fuori Uso generati nel territorio della Provincia di Trento per applicazioni nel settore strade e sport
Il Consorzio dei Comuni Trentini ha firmato con Ecopneus un Protocollo d’Intesa che prevede l’uso della gomma da riciclo dei Pneumatici Fuori Uso generati nel territorio della Provincia di Trento per applicazioni nel settore strade e sport

Sostenere occupazione ed economia grazie a pratiche ambientalmente sostenibili. Questo l’obiettivo del Protocollo di Intesa firmato tra il Consorzio dei Comuni Trentini ed Ecopneus, il principale responsabile della gestione dei PFU (Pneumatici Fuori Uso) in Italia, che prevede l’uso della gomma da riciclo dei PFU per realizzare pavimentazioni stradali silenziose, che durano di più e sono più sicure.

L’accordo è frutto di una lunga collaborazione tra il Consorzio ed Ecopneus che nell’ultimo anno si sono fatti promotori di un ciclo di incontri di formazione rivolti alle Pubbliche Amministrazioni locali. Da quegli incontri si è arrivati – in neanche sei mesi – alla realizzazione del primo tratto di strada contenente gomma da riciclo in Trentino, precisamente nel Comune di Transacqua.

L’ambizione è quella di far diventare questa esperienza in Trentino un modello di collaborazione pubblico-privato e un apripista per gli altri Comuni della Provincia nell’utilizzare e testare in prima persona i vantaggi dati dagli asfalti “modificati”.

“Abbiamo la possibilità di non parlare solo di green economy ma anche di farla, praticarla attraverso azioni importanti, che possono sostenere l’economia e l’occupazione sul territorio” – commenta il Sindaco di Transacqua e Presidente del Consorzio dei Comuni Trentini, Mario Simoni. “Stiamo lavorando fortemente per estendere questa prima esperienza che abbiamo fatto, facendola vedere ai nostri amici amministratori del territorio, toccandola con mano, per trasferirla anche ad altre realtà, facendo una convenzione aperta che coinvolga da una parte le imprese del territorio e dall’altra le istituzioni.”

“Sul fronte degli asfalti modificati con gomma da PFU il territorio Trentino sta rappresentando un importante laboratorio di sperimentazione per confermare questi benefici” ha dichiarato Giovanni Corbetta, Direttore Generale Ecopneus. “Ringrazio il Presidente Simoni per la sua disponibilità e attenzione nel vedere in questa applicazione del polverino di gomma un concreto esempio di quello che dovrebbe essere la green economy, ossia un’attività che riesca a creare valore coniugando “fare impresa” e responsabilità sociale.”

Il protocollo prevede, oltre ad azioni per favorire l’estensione di questa applicazione a tutti gli enti del Consorzio dei Comuni Trentini, la realizzazione di diverse varianti delle pavimentazioni “gommate” al fine di promuovere nuove competenze ed opportunità di sviluppo di progetti imprenditoriali sul territorio. Centrale è inoltre l’individuazione di iniziative volte a “formare la domanda”, in particolare pubblica, entro il quadro del GPP (Green Public Procurement, gli acquisti “verdi” della Pubblica Amministrazione) e verso gli enti soci, mediante convegni, incontri sul territorio e andando eventualmente anche a modificare la legislazione provinciale.

Tra gli obiettivi del protocollo anche quello di favorire la nascita di progetti per la valorizzazione della gomma riciclata da PFU a “compensazione” delle quantità raccolte da Ecopneus, con l’obiettivo “rifiuti zero”: stimolare ogni Comune ad utilizzare, per applicazioni di pubblica utilità, tanta gomma riciclata da PFU quanta Ecopneus ne ha raccolta in quello stesso Comune.

L’impegno previsto dal Protocollo non riguarda, infatti, solo le pavimentazioni stradali. La gomma da riciclo dei PFU può, infatti, essere utilizzata in tanti settori anche diversi tra loro. Si va dallo sport dove è utilizzata per realizzare superfici in erba sintetica, campi da gioco polivalenti e aree gioco antitrauma per i bambini, all’arredo urbano dove la capacità di deformarsi senza rompersi ne fanno il materiale ideale per cordoli, spartitraffico, new jersey e dissuasori di sosta. Nell’edilizia, invece, costituisce un validissimo materiale per l’isolamento acustico e contro il propagarsi delle vibrazioni.

 

Attualmente le aziende socie di Ecopneus sono: A.R. Pneumatici, Apollo Vredestein, Asperti Angelo, Autogomma Perego, B. R. Pneumatici, Bellotto, Bersangomme, BIS, Bridgestone, Buymec, Camoplast Solideal Italia, Catania Gomme, Continental, Crespi Gomme, Devalle Gomme, Di Pasquale Diego, Driver Italia, Driver – Servizi Retail, Fiat, Fintyre, Gexpo, Goodyear Dunlop, Gottardi, Grassini Pneumatici, GRG Pneumatici, Harley-Davidson Italia, La Genovese Gomme, Laneve Pneumatici, Marangoni, Marangoni Tyre, Mazzon Leonardo, Mercedes-Benz, Michelin, Natale Illario, Nuova Pneus Vignola, Parise Gomme, Pirelli Tyre, Pneus Area, Pneus Sette, Pneusmarket, Pneusmarket Alpina, Pneusmarket ReD, Pneusmarket Romagna, Pneuspergine, Pneustore, Ponente Gomme, R.G.S. Pneumatici, RE-TA Gomme, Ridolfi Idio e Figli, River, Rossi Lamberto, Spiezia Pneumatici, Top Ruote, Trelleborg Wheel System Italia, Tutto Gomme, Union Pneus Italia, Univergomma, Volkswagen Group, Zuin.

 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Categoria: Mercato, Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserire il numero mancante: *