Ecco perché BMW ha scelto Michelin per la nuova BMW M5

18 novembre 2011 | 0 Commenti
 
Michelin Pilot Super Sport è stato scelto come primo equipaggiamento per la nuova BMW M5
Michelin Pilot Super Sport è stato scelto come primo equipaggiamento per la nuova BMW M5

Per garantire il legame tra la sua nuova BMW M5 e la strada, la casa costruttrice tedesca ha omologato il Michelin Pilot Super Sport, il pneumatico di serie risultato il più veloce su circuito asciutto, secondo un test realizzato nel 2010 dal TÜV SÜD Automotive nelle dimensioni 245/40 ZR 18 Y e 235/35 ZR 19 Y rispetto ai suoi cinque maggiori concorrenti. Michelin Pilot Super Sport è nato dall’esperienza di Michelin nelle competizioni e in particolare alla 24 Ore di Le Mans. Nel 2011 il 100% delle BMW M5 si è affidato alla tecnologia dei pneumatici Michelin Pilot Super Sport e i motivi di questa scelta sono descritti dagli ingegneri BMW nel video disponibile in fondo all’articolo.

La tecnologia dei pneumatici Michelin Pilot Super Sport, che si caratterizza per l’associazione di tre elementi: cintura Twaron, tecnologia Bi-Compound e Variable Contact Patch 2.0.

Il Twaron è una fibra ad alta densità utilizzata negli equipaggiamenti sportivi per alte prestazioni (tennis, vela, mountain bike… ), ma anche nell’aeronautica, nelle protezioni militari e nelle competizioni. La cintura Twaron consente di ottenere un’elevatissima stabilità dello pneumatico alle alte velocità. Grazie alla sua tensione variabile, la cintura stringe il battistrada più fortemente delle spalle. La forza centrifuga è dunque gestita meglio e le forze sono ripartite in modo più omogeneo.

La tecnologia Bi-Compound prevede l’inserimento di due diversi tipi di gomma nella parte destra e sinistra del battistrada. Sul lato esterno, un elastomero inedito rinforzato con nerofumo, sviluppato appositamente per la 24 Ore di Le Mans, assicura un’estrema durata, anche nelle curve strette. Sul lato interno, l’elastomero ad elevata aderenza di ultima generazione permette allo pneumatico, su suolo bagnato, di sposare le minime asperità dell’asfalto e di rompere la pellicola d’acqua.

Il Variable Contact Patch 2.0 offre un’aderenza ottimale, sia in piena accelerazione, sia in rettilineo o in curva ad alta velocità. In curva, la forma dell’area di contatto cambia, ma la superficie della gomma a contatto con il suolo rimane costante.

Questa combinazione ha permesso di ottenere un risultato dinamico, adatto a soddisfare le esigenze di BMW M, soprattutto in termini di precisione di guida, sportività e sicurezza, sia su strada, sia su circuito. A queste proprietà, Michelin ha aggiunto la durata, criterio indissociabile dalle altre prestazioni per i suoi pneumatici.

Michelin ha realizzato questo equilibrio delle prestazioni grazie al trasferimento delle tecnologie dal circuito alla strada, ma anche grazie alla stretta collaborazione con il costruttore, iniziata due anni fa per la BMW M5. Sono stati fabbricati, misurati e testati in condizioni estreme circa 1200 prototipi e 1000 pneumatici pre-serie. Dal circuito di Nordschleife in Germania alle piste di prova di Ladoux in Francia, gli pneumatici sono stati sottoposti a test su pista e su strada. Le prove sui veicoli sono un must per BMW M e Michelin, nella comune ricerca delle prestazioni ottimali.

  

Tag:

Categoria: Mercato, Notizie prodotti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserire il numero mancante: *